4 metodi per migliorare la CSR con il media monitoring

La Corporate Social Responsibility (CSR) è una pratica ormai consolidata in ambito professionale. Attuare un programma di CSR significa compiere degli sforzi che si legano al business dell’azienda riducendone l’impatto sull’ambiente e fornendo un beneficio per le persone. In genere questi sforzi sono collegati in qualche modo con l’azienda stessa: se ad esempio parliamo di ristoranti o aziende alimentari si potrebbero impegnare in programmi al fine di combattere la fame.

Pensare alla CSR come la “risposta” ad un singolo programma sociale vuol dire approcciare l’argomento nel modo sbagliato. Molti consumatori considerano la responsabilità sociale d’impresa come una parte importante nel processo di selezione di marca: in particolare i Millennials sono tra i più forti sostenitori degli sforzi della CSR.

Questo apre opportunità ma anche potenziali pericoli per i marchi. L’utilizzo del media monitoring aiuta a rivelare ciascuno di essi, in modo che possano essere inseriti nei piani ed affrontati.

Come usare monitoraggio dei media per la CSR?

L’impostazione dei termini di monitoraggio dovrebbe naturalmente includere i nomi di tutte le iniziative di CSR che la società ha stabilito. Ma altrettanto importanti sono il monitoraggio delle questioni e dei problemi che hanno portato alla scelta di questo intervento.

  1. Monitorare come cambia la percezione pubblica dei problemi che vogliamo affrontare. Gli argomenti e l’attenzione del pubblico possono cambiare nel corso del tempo: il monitoraggio può aiutare un’azienda ad adeguare la sua comunicazione o gli stessi programmi di CSR.
  2. Monitorare le novità scientifiche e tecnologiche riguardanti i temi di interesse. Questo è un punto importante perché scienza e tecnologia cambiano, spesso: ogni nuovo studio può spostare l’opinione ed aprire nuovi scenari.
  3. Monitorare celebrità e infuencer che ne parlano. Le celebrità guidano gli interessi, per questo è importante sapere quello che dicono sui temi importanti per la vostra azienda. Che sia in termini positivi o negativi, qualunque cosa dicano potrebbe avere un impatto.
  4. Monitorare le questioni emergenti. Anche se può sembrare un tentativo di prevedere il futuro, vale la pena sviluppare una strategia di monitoraggio sui nuovi possibili scenari. Se il monitoraggio tiene conto dei primi 3 punti il compito di previsione diventa molto più facile.

Il monitoraggio della CSR non è poi così diverso da quello applicabile alle altre questioni affrontate dalla società.

Bisogna però prestare molta attenzione al modo in cui i problemi vengono presentati e al modo in cui si evolvono. Se un’azienda sta per impegnarsi in pratiche di CSR, è fondamentale capire prima come queste tematiche potrebbero svilupparsi nel corso del tempo.

Con le informazioni a portata di mano, è possibile pianificare.