Il wi-fi di Google nelle stazioni ferroviarie indiane: un progetto sostenibile?

sundar-pichai-google-for-india-7591

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, aveva annunciato già a fine settembre 2015, in occasione della visita del Primo Ministro indiano Modi al campus Google di Mountain View in California, che la compagnia avrebbe avviato un piano per fornire wi-fi gratuito e veloce in più di 400 Stazioni ferroviarie indiane.
Il programma, facente capo al Team Access & Energy di Google, è frutto di un partenariato con le Ferrovie indiane, Indian Railways, e con la compagnia statale indiana di telecomunicazioni, RailTel. Quest’ultima ha costruito una rete di linee a fibra ottica lungo le principali linee ferroviarie del paese, che Google utilizzerà come supporto dei punti accesso wi-fi nelle Stazioni ferroviarie. Inizialmente, la partnership mira a fornire punti di accesso in 100 Stazioni ferroviarie indiane con piani di crescita fino a 400 Stazioni in tutto il paese. L’infrastruttura per la fibra ottica RailTel copre già più di 26.000 miglia di binari, ma la compagnia prevede di estenderla a oltre 33.000 miglia.
Google-wifi-India2
Il 22 gennaio, il servizio wi-fi è stato attivato alla Stazione di Mumbai, la prima a giovare degli effetti dell’ambizioso progetto di Google, RailTel e Indian Railways. Per comprendere le vaste dimensioni dell’operazione: dalla Stazione Centrale di Mumbai transitano ogni giorno 962 treni, tra cui servizi locali e a lunga percorrenza, ma solo i primi contano quotidianamente ben 7 milioni di passeggeri. L’estensione del servizio secondo i piani (inizialmente 100 Stazioni e poi 400) incuriosisce i più scettici: Google disporrà dell’effettiva capacità di assicurare il servizio così come promesso? Secondo la Vicepresidente della sezione Access and Emerging Markets di Google, Marian Croak, la compagnia prevede un potenziale di 10 milioni di utenti entro la fine del 2016 e promette altissimi standard di qualità: velocità, alta definizione ed efficienza non dovranno mancare neanche quando il servizio avrà raggiunto la sua massima espansione.
Google, che sottolinea la gratuità iniziale del wi-fi ferroviario indiano, non esclude la possibilità di introdurre costi per gli utenti in un secondo momento, ma resta molto vaga sul tema, specificando solo di voler rendere il sistema auto-sostenibile.
Il responsabile della sezione Access Programs di Google India, Gulzar Azad, ha tuttavia già reso noto che la compagnia introdurrà alcune limitazioni per assicurare che gli utenti non restino tutto il giorno nella Stazioni indiani a scaricare grossi files. Dopo un’ora di utilizzo costante, per esempio, le velocità saranno ridotte per incoraggiare gli utenti a lasciare la rete.
Google-wifi-India