Anche i professionisti devono fare monitoraggio dei social media

Pubblicare qualcosa sui social media non è più sufficiente per avere una buona presenza online.

Come le aziende, anche i professionisti devono fare monitoraggio sui social media per calcolare il successo dei loro post e ipotizzare una strategia di comunicazione in base ai dati raccolti.

In questi ultimi anni c’è stato un forte incremento di esperti professionisti in diversi settori, che si sono buttati online e sui social media.

Da commercialisti ad avvocati, da fisioterapisti a medici specializzati, tutti hanno deciso di inserirli nei loro piani di comunicazione.

Proprio per questo, non basta più postare ciecamente e lasciare che le cose succedano.

Come le aziende, anche chi lavora da freelance, deve monitorare il successo delle proprie campagne e utilizzare le tecnologie offerte per migliorare il proprio profilo digitale.

La realtà infatti è che sempre più potenziali clienti utilizzano i social e le piattaforme online come guida per scegliere a chi affidarsi.

Le regole di marketing dimostrano come avere tanti numeri non sia così importante. Serve piuttosto avere follower affezionati che riconoscano la tua bravura e che comprino i servizi proposti.

Quindi studiare la propria audience target e capire quali sono i contenuti interessanti per loro diventa fondamentale.

Quali strumenti usare per il monitoraggio dei social media?

monitoraggio social mediaEsistono diversi modi per monitorare i canali social.

Vi sono dei programmi online che permettono con una spesa più o meno alta di leggere dati e analisi.

Tuttavia questi tool sono talvolta complicati, richiedono attenzione costante e spesso non sono sufficientemente accurati.

Un’altra soluzione è quella di affidarsi ad una soluzione di social media monitoring con L’Eco della Stampa.

Un motivo? Solo in questo modo è possibile avere un supporto costante.

Con L’Eco della Stampa si può decidere insieme ad un esperto quali sono i parametri da monitorare.

Ecco solo alcuni esempi:

I risultati dei post pubblicati e i relativi commenti, gli hashtag da controllare, le menzioni (che non devono essere sottovalutate) e cosa non perdere di quello che pubblicano i competitor.

A cadenza costante verrà poi fornito un report, completo e semplice da consultare, per fare tutte le analisi che servono per migliorarsi e aumentare i clienti.

Quando il monitoraggio dei social media viene utilizzato correttamente, infatti, può aiutare a potenziare la propria professionalità, stimolare l’ingegno e far crescere gli affari, utilizzando gli strumenti che i social media offrono.

Il monitoraggio dei social media è essenziale anche per indagare sulle mosse della concorrenza.

Ad esempio si può evidenziare da dove stanno acquisendo nuovi clienti e in che modo è possibile intervenire.

Con gli strumenti giusti e degli esperti che possano aiutare il professionista, si possono apportare miglioramenti al proprio personal brand. Basta dedicarci pochi minuti ogni giorno.

 

Articoli correlati

Comunicatori 2020

31 comunicatori definiscono i nostri “trend” per il 2020

Comunicazione, Media Intelligence
dark mode sociale

Nuove tendenze social. Diventerà tutto nero?

Social Media Monitoring
banche sui social

Banche sui social: opportunità o tranello?

Digital Marketing, Media Intelligence
Torna su