Branded Entertainment per il Natale 2021

Cos’è per voi il Natale? Una festività sentita? Una meritata pausa? Un momento da condividere con i propri cari?
Per il mondo del marketing e dell’advertisement è sicuramente un periodo strategico, un’occasione speciale per comunicare con i potenziali clienti, a volte in modi inusuali o sorprendenti. Molte aziende fanno infatti ricorso al Branded Entertainment a tema natalizio -vedremo qualche esempio emblematico come il caso Coca-Cola, Volvo o Amazon- per promuovere i propri prodotti, servizi o semplicemente se stesse.

Ma che cos’è il Branded Entertainment?

Il Branded Entertainment è la pratica con cui un marchio crea un contenuto di intrattenimento, godibile anche a prescindere dalla presenza del brand, ma sempre coerente con i valori e gli obiettivi dell’azienda.
È anche per questo che Branded Entertainment e Branded Content stanno diventando sempre più due concetti sovrapposti.
In questa strategia il prodotto si integra a tal punto nello storytelling proposto, da diventarne una parte imprescindibile e autentica.
La forma scelta per il BE varia: cortometraggi, eventi, videoclip, riviste, web series, podcast, articoli, blog e persino videogiochi.

branded entertainment; ADV; pubblicità; brand; Coca-Cola; Amazon; Apple; Volvo

Quali vantaggi?

Da un lato, il fatto di presentarsi anche come creator, e dall’altro coinvolgere di più il pubblico di riferimento, mantenendone l’attenzione alta per un periodo di tempo maggiore.
Veicolare un messaggio positivo e d’impatto diventa più semplice e diretto.
Un contenuto ben costruito permette di migliorare awareness, loyalty e reputazione in modi che un advertisement classico non può fare.
Inoltre, questo tipo di esperienza costituisce, per il pubblico, un valore aggiunto che somiglia più a una sorta di dono, che non a un messaggio persuasivo, proprio grazie al suo intento e alla sua trasparenza.
Questa volontà di comunicazione autentica ed emozionale ben si sposa con l’atmosfera del Natale: ecco perché è facile parlare di esempi di Branded Entertainment riusciti in questo periodo.

Sei consigli per creare contenuti di successo

Creare un contenuto per il BE: da dove partire?
Anche se non esistono formule fisse per il successo assicurato, ecco alcune linee guida a cui prestare attenzione.

1. Lasciare da parte per un attimo le logiche di advertisement tradizionali

Il Branded Entertainment si concentra sul generare interesse, fornire informazioni utili, ma soprattutto sull’intrattenere il pubblico.
Per conquistare l’attenzione, è bene tenere a mente che una campagna classica rispetta regole diverse e non confondere i due ambiti.

2. Emozionare

Un messaggio che suscita emozioni forti si imprime più facilmente nella memoria di chi lo riceve.
Divertimento ed emozione spesso vanno di pari passo e si rafforzano a vicenda: connettersi a un livello più profondo con gli individui è uno dei segreti per un buon Branded Entertainment.

3. “Show, don’t tell”

Può sembrare un’ovvietà, ma è bene ricordarlo: il Branded Entertainment è spesso, per sua natura, visual, significativo e d’impatto.

4. Concentrarsi sui valori del brand

Dopo aver individuato target e obiettivi, una campagna di BE ben costruita deve saper trasmettere i valori fondamentali del marchio, basandosi su tutti i punti visti finora.

5. Trovare un proprio punto di vista

Credere nel proprio contenuto di Branded Entertainment significa anche, a volte, esprimere un’opinione su un tema, con una prospettiva sulle cose originale.
Riuscire a far riflettere il pubblico è uno degli aspetti più interessanti.

6. Analizzare i risultati

Se avete già risposto alla domanda “Guarderei il contenuto di Branded Entertainment che ho creato?”, chiedetevi chi ne ha fruito e quali effetti ha avuto.
È ora di monitorare i risultati e capire se il contenuto ha fatto centro.

Branded Entertainment per il Natale 2021

Cos’hanno scelto di creare nomi come Apple, Amazon, e Coca-Cola per questo Natale?

Apple

Apple ha deciso di non pubblicizzare direttamente un prodotto, ma di mostrare le capacità della modalità Cinema di iPhone 13 Pro, usandolo per filmare un intero corto per questo Natale.
“Saving Simon”, diretto da Ivan e Jason Reitman, racconta la storia di una bambina che tenta di salvare un pupazzo di neve dallo scioglimento, per conservarlo intatto fino al Natale successivo.

Amazon

Amazon incentra il suo messaggio sulla gentilezza spontanea, con un rimando anche agli effetti della pandemia sulla salute mentale dei più giovani.
Con il suo spot “Kindness, the greatest gift” firmato Trey Edward Shults, in cui una ragazza stringe un’amicizia inaspettata con una vicina grazie a un piccolo gesto di gentilezza disinteressata.

Coca-Cola, ABB e Volvo

Non solo video ma anche eventi: Coca-Cola in partnership con ABB e Volvo Trucks danno vita al Real Magic Village, un tour itinerante 100% elettrico, per portare la magia del Natale nelle principali città italiane.
Tante le iniziative per l’evento, tra cui Food Court, con la pizza di Natale del pizzaiolo Francesco Capece, e il Christmas Market, un mercatino solidale di gadget Coca-Cola.
Il ricavato di entrambe le attività sarà interamente devoluto a Banco Alimentare.

Gli esempi riusciti di Branded Entertainment sono innumerevoli, ma hanno tutti in comune un fattore: riuscire a suscitare un’emozione e un vero coinvolgimento nel pubblico.
E magari, ricordare il vero spirito del Natale.

 

Articoli correlati

psicologia del marketing; consumatori; comunicazione; content marketing; psicologia; neuromarketing; inbound marketing

Marketing e psicologia: un connubio vincente

Arte e Società, Comunicazione, Digital Marketing, Ricerca, Società
SEO; motori di ricerca; computer; L'Eco della Stampa; content marketing

SEO per il content marketing – Come monitorare trend e keyword

Comunicazione, Digital Marketing, Media Monitoring, Social Media Monitoring
content marketing b2b; media monitoring; L'Eco della Stampa; brand; azienda; comunicazione; B2B

Content Marketing B2B – Tra gli obiettivi anche il monitoraggio dei risultati

Comunicazione, Digital Marketing, Media Intelligence, Media Monitoring, Social Media Monitoring
Torna su