Bullet Journal, cos’è e come funziona

Bello, personalizzato ed efficace: il metodo del Bullet Journal rivoluziona l’organizzazione di chi lo ha adottato. Non sapete di cosa stiamo parlando? A prima vista può sembrare una semplice agenda, ma più ricca e capace di condensare in un unico oggetto impegni e obiettivi.

Ogni pagina, infatti, può rispecchiare la personalità di chi ha creato il Bullet Journal. È in questo modo che diventa utile e, a detta di chi è ormai devoto a questo metodo, rivoluzionario.

Che cos’è il Bullet Journal?

Il Bullet Journal è un metodo di organizzazione del tempo del lavoro e del tempo della vita flessibile e personalizzabile. Ideato da Ryder Carrol, digital product designer di New York, consiste in un’agenda a pagine bianche (o ancor meglio puntinate) su cui si può organizzare e tracciare tutto ciò che è importante ricordare.

I “bullet”, infatti, sono i punti delle liste delle cose da fare o da vedere che sono lo scheletro del Bullet Journal. In un unico quaderno, è possibile dedicare lo spazio necessario a tutto: appuntamenti di lavoro, bollette, cene tra amici, scadenze delle bollette, corsi della palestra e così via.

Di fatto, questo metodo si propone di sintetizzare azioni, eventi e note in uno strumento potenzialmente sempre a portata di mano.

Il Bullet Journal, in pratica

È stato Ryder Carrol stesso a registrare un video in cui spiega come si realizza un Bullet Journal a partire da un quaderno bianco. Ciò di cui avete bisogno è carta, una penna o una matita neutra per impostare le pagine, un righello, sticker e colori a piacere.

È importante non dimenticare di lasciare alcune pagine vuote all’inizio per poter comporre un indice flessibile. Durante l’anno, infatti, può capitare che un mese sia più intenso di un altro e richieda, quindi, più spazio.

Sempre nelle prime pagine del Bullet Journal è utile appuntarsi una legenda. Ad esempio si può scegliere di utilizzare il blu per indicare gli impegni culturali, oppure un quadratino per segnare gli impegni da portare a termine. Avere una legenda a portata di mano è utile per orientarsi velocemente.

L’elemento fondamentale è quello della personalizzazione: il metodo del Bullet Journal è pensato per fornire a ciascuno uno strumento che si possa adattare completamente a chi lo usa sia dal punto di vista funzionale che da quello estetico.

Il Bullet Journal può diventare, infatti, un quaderno ricco, decorato e colorato, oppure essere minimale. Non c’è una versione “giusta”, quella migliore è quella che funziona.

come fare il bullet journal

Perché questo metodo piace?

Proprio la grande personalizzazione e la flessibilità sono i segreti del successo del Bullet Journal. Basti pensare che il gruppo Facebook italiano dedicato conta oltre 11.000 membri attivi che si scambiano quotidianamente spunti e idee per affinare la tecnica.

Nonostante il dispendio di tempo iniziale, diventa poi uno strumento molto più funzionale di una classica agenda perché ogni attività, evento o nota ha esattamente lo spazio che decidiamo di dargli.

Piace, dunque, per la flessibilità, per la personalizzazione e per la capacità di contenere tutto ciò che serve per organizzare in maniera efficiente giornate, settimane e mesi. E lo fa in maniera da rispecchiare la personalità di chi lo usa e aiutarlo a pianificare e tenere traccia di quanto accade senza dimenticarsi nulla e senza dover stare nei paletti disegnati da qualcun altro.

Un alleato per chi lavora nella comunicazione

Il Bullet Journal è anche uno strumento prezioso per chi si occupa di comunicazione. La possibilità di passare, per esempio, da un calendario mensile a uno bimestrale aggiungendo qualche pagina dedicata a uno settimanale e poi ad altre per gli obiettivi è perfetta per organizzare piani editoriali, per esempio.

Senza dimenticare quanto può essere utile tener traccia su un unico quaderno dei dati e delle performance dei progetti seguiti e, contemporaneamente, indicare anche le prossime riunioni e gli obiettivi da raggiungere. Il bello è proprio che il Bullet Journal funziona dal momento in cui riusciamo a mettere a fuoco ciò di cui abbiamo bisogno e trasferirlo su carta (o sul digitale, grazie alle app) diventando così più efficienti e dimenticandoci di post it vaganti, bigliettini e appunti presi e immediatamente persi.

 

Articoli correlati

Comunicatori 2020

31 comunicatori definiscono i nostri “trend” per il 2020

Comunicazione, Media Intelligence
instagram per artigiani

Instagram per artigiani: 5 errori da evitare

Digital Marketing
consorzio chianti

Un nome, un brand: la comunicazione digital del Consorzio Vino Chianti

Comunicazione
Torna su