Tutto sul digital marketing: 10 canali Telegram da seguire

Le ultime notizie dal mondo del digital marketing e alcuni suggerimenti utili direttamente sul tuo smartphone. Non è il claim di una nuova app di news, ma semplicemente la realtà, ancora inesplorata dal grande pubblico, dei canali Telegram.

Quest’oggi, infatti, vogliamo consigliarvi alcuni canali che, secondo noi, chi lavora nel digital marketing o più in generale è appassionato di comunicazione non si può perdere.

Canali Telegram: cosa sono e come funzionano?

Un canale Telegram è uno spazio gestito da una persona, oppure da un’azienda, per comunicare in maniera unilaterale con una platea ampia di iscritti. Avete capito bene, ovvero è l’esatto opposto di un social network.

I canali possono essere privati, nel caso in cui per iscriversi sia necessario inviare e ricevere un link, oppure pubblici: in questo caso, è sufficiente per qualsiasi utente ricercare il nome del canale direttamente all’applicazione e unirsi al gruppo.

Chiunque ha la possibilità di aprire una canale Telegram e questo non implica la condivisione di dati personali o del proprio numero di telefono. È necessario, piuttosto, decidere un nome per il canale e tutto quello che verrà pubblicato al suo interno verrà così marchiato.

Infatti, solo gli amministratori del canale possono pubblicare qualcosa, mentre l’audience ne può fruire liberamente. Uno dei vantaggi risiede nella possibilità, per gli amministratori, di pubblicare contenuti di vario genere come immagini, video, link, testi e anche messaggi vocali. In questo modo, è possibile coltivare e creare una community da cui farsi conoscere in varie sfaccettature.

digital marketing

Far crescere il canale Telegram

Una volta creato il canale, è importante selezionare un’immagine descrittiva e significativa e sfruttare appieno i pochi caratteri per la descrizione. A questo punto, è necessario iniziare a promuovere questo spazio facendo sapere al nostro target che esiste.

Si può partire da un semplice invito ai propri contatti su Telegram. Poi si consiglia di pubblicare il link al canale anche sugli altri social network, dove si trovano altri utenti potenzialmente interessati, oppure creare un banner dedicato sul blog o sul sito web.

Quello che conta, però, soprattutto su Telegram, è il passaparola. Il successo dei canali più popolari, infatti, dipende per la maggior parte della soddisfazione degli iscritti che lo condivideranno e ne parleranno con amici e colleghi dando vita ad un effetto domino assolutamente virtuoso.

Perché seguire un canale Telegram?

Prima di addentrarci tra i nostri canali Telegram preferiti che parlano di comunicazione, digital marketing e copywriting, soffermiamoci sul perché seguire un canale. Abbiamo visto, infatti, come sia semplice crearne uno, tuttavia è altrettanto fondamentale per i professionisti seguire quelli dei colleghi. Si tratta di un modo di coltivare la propria formazione continua, trarre spunti di riflessione e intercettare letture interessanti.

Inoltre, osservare come gli altri utilizzano lo strumento, quali sono le modalità e le fonti che utilizzano, come scelgono di relazionarsi con le loro community è una miniera preziosa di indicazioni per sviluppare la propria strategia, su Telegram e non soltanto.

I gruppi sono, di fatto, aggregatori di notizie e approfondimenti che possono tornare utili in qualsiasi momento. Uno strumento in più nella “cassetta degli attrezzi” del comunicatore di cui, una volta scoperti, non sapranno fare a meno.

canali telegram smartphone

10 canali Telegram da seguire sul tema del digital marketing

Veniamo, dunque, all’elenco (non esaustivo) dei nostri canali Telegram preferiti e di cui non ci perdiamo un aggiornamento:

  • PostPickr Channel – per tutti gli aggiornamenti dal mondo dei social media. Il blog di Postpickr ospita le riflessioni di molti degli influencer iscritti al tool italiano di social media management.
  • Luca Rallo – per eventi, corsi di formazione e news in pillole. Luca è una fonte inesauribile di informazioni in ambito digital e garantisce un entusiasmo contagioso.
  • Skande – con tutte le ultime dal seguitissimo blog di Riccardo Scandellari. I suoi articoli attirano sempre l’attenzione per la grande capacità di scrivere titoli accattivanti e affrontare in modo semplice i grandi dubbi dei professionisti della comunicazione.
  • FastForward – è lo spazio dove Giorgio Taverniti si mantiene in contatto con la sua community, parlando naturalmente di web marketing.
  • Marta Pellizzi – parlare di Telegram, su Telegram: Marta è autrice di “Rivoluzione Telegram” e creatrice del #TelegramDay (si terrà il 27 maggio a Milano). Serve altro?
  • Web, Social e Cultura (Giacomo Lucarini) – ogni giorno su questo canale Giacomo Lucarini pubblica una news del mondo digital, molto spesso commentando in vivavoce attraverso efficaci messaggi vocali (nativi su Telegram) che diventano piacevoli pillole da ascoltare anche mentre si è al lavoro.
  • Startup Italiane – il canale del sito Startupgeeks è il luogo giusto per scoprire tutte le nuove realtà emergenti. Da qui Alessio Boceda e Giulia D’Amato garantiscono visibilità ad una stratup al giorno.
  • Toolperstartup – curato da Bernardo Mannelli che condivide news, strumenti e suggerimenti utili non soltanto per chi gestisce una start up, ma anche per PMI e freelance.
  • Ecostampa Channel – è il canale Telegram de L’Eco della Stampa dove pubblichiamo gli approfondimenti dal nostro blog, ma anche i prossimi eventi dalla nostra Arena e i contenuti più interessanti dal web.
  • Rudy Bandiera – il canale giusto per gli approfondimenti sul tema dei new media e delle sfide del mondo digitale di oggi. Rudy approndisce gli argomenti del momento con ragionamenti brillanti raccolti in brevi video da 7 minuti l’uno.

Quali sono i tuoi canali Telegram preferiti? Condividili con noi!

 

Articoli correlati

social preferiti dai giovani

Instagram, Twitch, Tik Tok: i social della generazione Z

Comunicazione, Digital Marketing
gestire crisi social

Come gestire una crisi sui social network

Comunicazione, Digital Marketing
evento online

5 consigli per promuovere un evento online

Comunicazione
Torna su