Capalbio Libri, il festival letterario che sperimenta il piacere della lettura

Mancano pochi giorni all’inizio di Capalbio Libri, il festival dedicato al piacere della lettura che ha fatto il pieno di citazioni sui media digitali e tradizionali.

Ideato e diretto da Andrea Zagami, il festival si tiene come da tradizione a Capalbio, dal 28 Luglio al 6 di Agosto. Un antico borgo medioevale che per dieci giorni si trasforma in un’arena unica per la letteratura. Scrittori, saggisti ed oratori si esibiscono di fronte ad una folla proveniente da tutta Italia. La scenografia creata da mura di cinta, torri, edifici e chiese di Capalbio è il contorno ideale.

Ma la ricerca del piacere della lettura, passa necessariamente dalla sperimentazione continua. Per questo la piccola Atene della Maremma è diventata la location ideale per le esibizioni di figure importantissime nel mondo della letteratura e dell’arte. Tra gli autori che saliranno sul palco ci sono infatti Claudio Cerasa e Roberto Napoletano, Nicola Gratteri ed Elena Improta, il Premio Strega 2018 Helena Janeczek e il Premio Strega Giovani 2018 Lia Levi.

Ma vogliamo scoprire molto di più su questa manifestazione, unico nel suo genere. Per questo siamo molto felici di poter intervistare Andrea Zagami, ideatore e direttore del festival.

Dottor Zagami, quando è nata l’idea di un festival sulla letteratura?

A.Z. – Quando lavoravo in Mondadori, non ho potuto fare a meno di notare la vecchiaia dell’impostazione a cui dovevamo sottostare durante le presentazioni dei libri. All’epoca andavo in vacanza a Capalbio e ho pensato a quanto piazza Magenta fosse un setting perfetto per delle letture pubbliche che diano spazio alla creatività e alla bellezza della lettura.

Quanto è importante la radicazione geografica per Capalbio Libri?

A.Z. – Durante l’ultima edizione, Franceschini ha detto che tutta l’Italia dovrebbe prendere esempio da Capalbio Libri. Noi vogliamo essere un esempio per diffondere il piacere della lettura in modo epidemico. Detto questo, la piazza centrale di Capalbio è il setting ideale. Un “vero e proprio teatro. Perfetto per le presentazioni raccolte” dove giriamo streaming social particolarmente suggestivi.

Siamo curiosi di capire come avviene la presentazione dei libri. Esiste un metodo più efficace di altri?

A.Z. – Le “donne libro” sono in grado di leggere intere pagine a memoria con grande successo. Abbiamo provato qualsiasi metodo di esposizione, presentazione e lettura dei libri ma un metodo singolo più efficace di altri non c’è. In realtà, l’unica cosa che aggiunge senza ombra di dubbio un notevole successo alla presentazione verso il pubblico, è il fatto che sia l’autore stesso l’interprete della storia.

Solo così si può catturare la reale intenzione del messaggio ed i significati nascosti tra le linee.

Durante il festival, esiste una scaletta precisa per ogni presentazione. Ad ogni libro viene dedicata un’ora e 15 minuti, durata ideale per sviscerare tutti i contenuti importanti. L’aspetto fondamentale di Capalbio Libri, è che i libri vengono effettivamente venduti! Dopo ogni presentazione c’è il rito della firma, oggi accompagnato da un selfie.

Quanto è importante la comunicazione della letteratura attraverso i media?

A.Z. – Direi importantissima. Soprattutto per la diffusione della consapevolezza che eventi come Capalbio sono effettivamente apprezzati e riproponibili in altri luoghi, anche con una durata di più giorni. Se chiedete a me, penso che Capalbio Libri dovrebbe durare 365 giorni all’anno e diventare un percorso itinerante in tutta Italia.

Per quanto riguarda i risultati di vendita dei libri, i media online ed offline sono importanti ma chi è determinante con un reale impatto sulle vendite è la televisione. Recentemente anche alcuni influencer (pensiamo a Jovanotti su Twitter) sono stati in grado di determinare modifiche sostanziali di mercato attraverso i social media.

Capalbio Libri utilizza i social media in modo determinato per comunicare gli eventi in corso durante il festival e trasmettere le dirette più importanti. Oltre alle dirette, disponiamo di un collegamento in diretta costante con Radio Radicale.

Grazie per l’intervista Dottor Zagami. Le auguriamo una edizione di Capalbio Libri ancora più speciale ed invitiamo i clienti de L’Eco della Stampa a partecipare a questo evento davvero unico!