Cosa possiamo imparare dai social media cinesi?

Le piattaforme di social media cinesi non sono Facebook, Twitter o Youtube. I social che conosciamo in occidente sono bloccati sul suolo cinese, ed è impossibile accedervi.

Non è un segreto che la Cina usi le proprie soluzioni nazionali, per i social così come in tanti altri ambiti. Nonostante ciò, un’attenta osservazione del comportamento degli utenti orientali può insegnare qualcosa ai marketer in Occidente?

social network cinesi

Utenti attivi ogni mese sui social media globali

 

Le dimensioni delle reti social media cinesi sono impressionanti, ma la cosa più curiosa è che si sono sviluppate in un ecosistema chiuso (il territorio geografico nazionale). Sono in molti modi uniche e senza eguali. Tuttavia, alcune delle loro funzionalità indicano un futuro realistico per il marketing anche in occidente.

Ecco 3 lezioni chiave che i marketer esperti possono sfruttare per migliorare le strategie di comunicazione.

Lezione 1: Una piattaforma integrata per tutto

WeChat è una piattaforma di social media “dopata”. A prima vista, unisce le funzionalità di Whatsapp, Snapchat, Messenger e Facebook.

Ha le solite caratteristiche come la messaggistica istantanea, le videochiamate e le storie che svaniscono col tempo. Ma fa un ulteriore passo avanti consentendo agli utenti cinesi di fare una vasta gamma di azioni uniche: dall’ordinare e pagare per un pasto in un ristorante a chiamare un taxi per prenotare un appuntamento con un medico.

In breve, WeChat è molto più di una piattaforma social media. Messenger, Uber, Amazon e JustEat sono racchiusi in una soluzione unica.

Attraverso l’integrazione di terze parti, WeChat è in grado di ottenere molto di più rispetto alle controparti occidentali.

La parola più importante qui è “integrazione”. La grande versatilità consente agli utenti di fermare un taxi, ordinare e pagare in un ristorante, acquistare un biglietto del cinema o uno spuntino, pagare in un negozio di street food, chattare con gli amici o il datore di lavoro in un unico posto senza lasciare l’app. La principale piattaforma di social media cinese offre anche un assistente chatbot chiamato WeSecretary per aiutare i propri utenti a pagare le bollette, prenotare i biglietti e gestire altre attività amministrative.

Dopo questo, le piattaforme social media occidentali non sembrano poi così avanzate.

Lezione 2: Integrazione impeccabile dei pagamenti mobile

Per rendere l’esperienza “una sola app per tutti” davvero efficace, è necessario un sistema di pagamenti social-mobile perfettamente integrato.

Alibaba è stato un pioniere dei pagamenti mobili in Cina e ha praticamente posseduto il mercato fino al 2014, quando WeChat ha avuto un’idea brillante.

In quell’anno sono stati introdotti i pacchetti rossi, ovvero una funzionalità unica che combinava gli elementi del social networking e dei giochi. I pacchetti hanno fatto prendere agli utenti l’abitudine di inviare denaro elettronicamente.wechat

Gli utenti cinesi possono così inviare pacchetti con valori predeterminati di denaro, l’uno all’altro o in gruppi. Si può anche inviare un pacchetto a un gruppo con importi casuali. Ad esempio, inserisci $ 3 in un pacchetto e seleziona che la prima persona ad aprire il pacco otterrà $ 2, un’altra solo $ 1 o imposta un taglio casuale. Le opzioni sono infinite.

Ora gli utenti cinesi non si limitano a inviarsi denaro a vicenda, ma effettuano la maggior parte dei loro pagamenti digitali tramite cellulare: le carte di credito non sono mai decollate in Cina. Le somme possono arrivare ad importi decisamente alti (bollette o cene costose al ristorante) oppure minuscole (street food o un micropagamento per uno streaming video).

Facebook non è molto indietro in realtà. Ad ottobre è stata annunciata una partnership con Paypal per portare una prima esperienza del genere anche in Occidente. Gli utenti di Facebook Messenger potranno così usufruire dei pagamenti in-app utilizzando i propri account PayPal.

Lezione 3: Streaming live sempre più diffuso

La tecnologia di micropagamento ha inoltre facilitato il boom dello streaming online a pagamento. Dopo aver visto la crescita esplosiva di Meerkat all’inizio del 2015, gli imprenditori cinesi hanno cercato di creare app di live streaming proprie. Sono infatti emerse app di social streaming di puro intrattenimento, come YY, Yingke, Huyayouxizhibo e Douyu.

Cos’è lo streaming live social? È una forma di streaming di fotocamera frontale mobile realizzata non solo da celebrità e influencer, ma anche da persone comuni di qualsiasi ceto sociale.

Se a uno spettatore piace la tua trasmissione, possono inviarti una domanda pubblica o un adesivo digitale per attirare l’attenzione di un’emittente. Gli adesivi non sono gratuiti e il loro prezzo varia da pochi centesimi a diverse centinaia di dollari: le entrate sono suddivise tra app store, broadcaster e piattaforma. Le emittenti spesso riconoscono i mittenti in tempo reale con una semplice nota di ringraziamento o una rapida risposta alla loro domanda.

Questo sistema non solo riempie le tasche delle emittenti, ma offre anche agli spettatori la gioia del riconoscimento e consente loro di influenzare il contenuto dei flussi.

Il successo del live streaming sui social media cinesi è auto-generato. Lo streaming live è la tendenza più calda in Cina per l’auto-espressione e l’intrattenimento mobile. Solo lo scorso anno il mercato è cresciuto del 180%, con le principali emittenti che guadagnano migliaia di dollari al mese.

Lo streaming live non è una cosa nuovaper i marketers occidentali, ma tutti i brand ne hanno sfruttato il potenziale appieno? Non proprio. O forse, non nel momento giusto.

Mentre per alcuni che ci hanno provato si è aperta un nuovo fronte gratificante (in particolare i produttori di contenuti e i rights holder) non tutti i marchi hanno trovato un modo efficace per rendere lo streaming live parte permanente della loro strategia.

In breve

I social media cinesi sono una delle frontiere più interessanti per il marketing. Possiamo essere certi che il futuro sarà mobile e continuare a costruire le nostre strategie mobile-first.

Ma come cambierà il tuo marketing sui social media con pagamenti social senza sforzo e milioni di servizi integrati nelle app dei social media? Sei pronto per adottare rapidamente nuovi formati come lo streaming live che sono coinvolgenti per il tuo pubblico?

 

Articoli correlati

media intelligence congress

7 quotes from the Media Intelligence leaders at the FIBEP Congress in Copenhagen

Media Intelligence, Media Monitoring
social media monitoring

Social media monitoring per le case cosmetiche: come usarlo?

Media Monitoring, Social Media Monitoring

Chi ha paura delle crisi sui social network?!

Media Intelligence, Media Monitoring
Torna su