E la pubblicità “prende le distanze”

Molti se ne saranno accorti. Altri, distrattamente, lo scopriranno facendo acquisti. La pubblicità è cambiata. L’emergenza Coronavirus non ha mai fermato il lavoro dei creativi, costringendoli, anzi, a fare le ore piccole per inventare slogan e loghi a misura di autoisolamento.

Come cambia il contenuto

In Italia, ha inaugurato il nuovo corso Barilla. Se prima basava i suoi messaggi sulla famiglia e sulla convivialità, oggi l’azienda del settore alimentare si rivolge ai consumatori, esprimendo la propria vicinanza all’Italia che resiste. Realizzato dall’agenzia Publicis, il nuovo spot è in onda da domenica 5 aprile: sulle note riarrangiate per orchestra di Vangelis e la voce narrante di Sophia Loren, scorrono immagini di luoghi e volti del nostro Bel Paese.

Sulla carta stampata, invece, Barilla ha pubblicato un lungo elenco con i nomi dei dipendenti che, nonostante l’epidemia, continuano a lavorare per assicurare la produzione. Un ringraziamento pubblico va a loro.

Anche Parmigiano Reggiano, nel nuovo spot ideato da Casiraghi Greco&, invita i telespettatori a restare a casa e, soprattutto, a non fare scorte nei supermercati, perché l’azienda è in grado di rifornire il Paese ogni giorno.

Come cambia la componente grafica

I loghi hanno seguito la stessa sorte dei messaggi pubblicitari. Le aziende automobilistiche Audi e Volkswagen, come il colosso McDonald’s e il brand di abbigliamento sportivo Kappa, hanno adattato le loro immagini all’emergenza in corso. Ecco come appaiono in questo periodo:

Medesima scelta hanno compiuto CocaCola, Ferrero e Chiquita. Quest’ultima ha pubblicato sul proprio canale ufficiale Instagram una versione del logo senza la sua celebre mascotte, Miss Chiquita. Il testo della didascalia recita così: “Io sono già a casa. Per favore fate lo stesso anche voi e proteggetevi. #stayhome”.

Secondo Mauro Ferraresi, sociologo e professore dell’Università IULM, la pubblicità è sempre stata uno specchio distorto della società. Generalmente, infatti, gli spot raccontano soltanto una parte di mondo: quella più felice, che consuma, che è entusiasta delle novità. Per fare questo, l’advertising utilizza una gamma di sentimenti euforici, che esprimono il nostro stare bene nella società dei consumi.

Questa volta, invece – sempre citando il pensiero dello studioso Ferraresi – per essere credibili e vicini ai consumatori, i brand hanno dovuto modificare i messaggi: se questi ultimi non fossero stati al passo con i tempi, sarebbero risultati grotteschi e lontani dalla contemporaneità, dunque inefficaci.

 

Articoli correlati

Piano di comunicazione per affrontare la seconda ondata dell’emergenza

Comunicazione, Digital Marketing

Oltre Carosello, le nuove campagne pubblicitarie in TV

Comunicazione, Entertainment

L’impronta civica del brand è la leva che spinge il consumatore all’acquisto

Comunicazione, Società
Torna su