ECOffee con Verdiana Ramina: Cibo sano su Instagram, chi può?

Gli ECOffee sono le interviste de L’Eco della Stampa ai Pionieri della comunicazione. Dopo i primi tre con Andrea Contino, Gianluca Diegoli e Luca Rosati, ieri abbiamo parlato con Verdiana Ramina (Verdy75 su Instagram), dietista e influencer.

Quando si parla di Instagram inevitabilmente si pensa alle foto di giovani ragazze che indossano capi firmati, corpi scolpiti che insegnano gli esercizi giusti per tonificare il ventre e a prelibati piatti perfetti che fanno venir subito una gran fame.

Il cibo infatti è tra i temi che stimolano maggiormente gli utenti. Ma dedicare il proprio profilo di Instagram al cibo non significa necessariamente essere food blogger o chef che si dilettano a rivelare ricette prelibate.

Esistono infatti molti professionisti della nutrizione che utilizzano Instagram come canale social per raccontare le proprietà degli alimenti e soprattutto per intercettare un pubblico che possa essere interessato ad uno stile di vita sano ed equilibrato.

La domanda sorge spontanea: come fare a capire chi parla su Instagram con cognizione di causa e chi invece si vende al primo sponsor per guadagnare qualcosa?

Vogliamo capire come bisogna muoversi sui social per parlare di nutrizione sana senza scontrarsi con le linee guida della professione.

Verdiana Ramina, dietista ed influencer

Verdiana (su Instagram: Verdy75) è un’influencer ma prima di ogni altra cosa è una dietista che lavora nel suo campo da 20 anni.

ecoffee

La sua storia l’ha portata appena dopo la laurea a lavorare per aziende e ad occuparsi come dietista di alimentazione nelle scuole, ospedali ,case di riposo e strutture private. 

Ha poi deciso con la nascita delle sue gemelle di abbandonare la vita frenetica in azienda e di dedicarsi alle sue bambine.

Inizialmente spinta su Instagram dalla passione per la fotografia, ha voluto condividere le scelte di alimentazione che faceva per le sue figlie, ma senza lo scopo reale di puntare ad avere un seguito di oltre 30 mila follower.

Con il tempo, l’onestà e moltissimo impegno, è però riuscita a creare una community che alimenta ormai da 3 anni e mezzo.

Avere un seguito che supera le 30 mila persone non è cosa da poco. Verdiana Ramina lo sa bene e sente il peso di questa responsabilità.

L’esperienza ventennale la porta ad attuare un approccio prima di tutto scientifico verso i suoi follower.

Le sue scelte e le sue opinioni, che ci spiega durante #ECOffee, vengono sempre accompagnate da link ad articoli che approfondiscono e permettono di comprendere al meglio quello di cui parla.

Anche analizzare le fonti, per Verdiana è estremamente importante; tanto quanto le foto e le parole semplici che usa nella descrizione dei suoi post.

Possiamo quindi dire che un primo segno per riconoscere un professionista, è quello di poter intravedere un’idea chiara dietro ogni cosa che condivide, discute, magari anche individuando riferimenti di stampo scientifico.

Le grandi industrie e l’etica su Instagram

Ma andiamo oltre e cerchiamo di comprendere in che modo l’industria del food, stia utilizzando Instagram per scopi commerciali.

Su questo Verdiana ha ancora una volta le idee molto chiare. Sa che una mamma/influencer che ha un account con migliaia di seguaci, gode di una certa autorevolezza se come in questo caso è una Dietista.

A maggior ragione è fondamentale mantenere una certa etica.

Proprio per questo motivo, Verdiana al momento ha limitato tantissimo le collaborazione i(ad oggi ne conta solo due) nonostante la richiesta sempre maggiore negli anni da parte delle aziende.

“Credo che avviare una collaborazione non mi permetterebbe di parlare liberamente dei pregi e dei difetti di un prodotto. So che il futuro di Instagram andrà sempre di più verso questa tipologia di post, ma i miei follower sanno che da me possono trovare informazioni ed opinioni sincere. Ed è per questo che mi seguono”. Afferma Verdiana durante l’Ecoffee.

https://www.instagram.com/p/BxMU4m3lV_5/

Gli influencer sono quindi dei megafoni per le grandi aziende. I megafoni però devono decidere da che parte stare, afferma Verdiana. 

I professionisti come lei, non possono essere sia dalla parte del cliente che da quella dell’azienda,  altrimenti si rischi di perdere credibilità.

Se si decide di non stare al gioco delle grandi aziende il ritorno che daranno i follower sarà positivo. I follower sono stanchi della pubblicità e hanno solo bisogno di una comunicazione corretta da parte di chi si dichiara dietista, dietologo o nutrizionista.

Verdiana ci racconta poi di come secondo lei i ricavi non debbano per forza arrivare da collaborazioni con i brand. Il canale di Instagram può e deve essere, per professionisti come lei, un modo per rendersi autorevoli e proporsi in maniera seria.

Un buon metodo è quello di trovare una nicchia di mercato. Verdiana si è naturalmente ritrovata attratta dal mondo delle donne in gravidanza, in fase di allattamento, svezzamento o in fase preconcezionale.

Una nicchia che si trova totalmente a proprio agio con il concetto di lavoro sul web.

Bisogna capire quale sia  il canale migliore per comunicare la propria expertiese. Ad esempio, i disturbi alimentari in quanto stato patologico non possono essere necessariamente trattati via web.

Consigli su cosa pubblicare su Instagram

Verdiana non si ferma a parlare di etica e di regole, ma dà anche qualche consiglio sui post da pubblicare.

Quelli che hanno più successo sono indubbiamente quelli che hanno le foto migliori, purché siano autentiche, non immagini finte o prese da stock di immagini.

Un particolare peso ha anche il contenuto perché comunque passa un’informazione che al follower interessa. 

E le interazioni? Non potevamo non domandare a Verdiana quanto sia importante l’engagement.

Lei, che ha avuto una crescita di follower costante e senza ricorrere a trucchi come bot o acquisto di utenti, può darci qualche suggerimento giusto per migliorare.

Infatti sono in moltissimi a farle domande su questo tema durante la diretta e il tempo sembra non essere mai abbastanza.

Rispondere ai commenti e dedicarsi all’engagement, dipende dal tempo a disposizione quindi se faccio tante storie e post, necessariamente dovrò rispondere alle domande e ai commenti. Se mi mantengo su post generici avrò meno engagement e quindi meno commenti a cui rispondere. Dipende solo da me quindi” ci risponde Verdiana: “L’importante è essere disponibili senza esagerare. Non posso rispondere di notte ai miei follower o tutti i giorni allo stesso modo. E se i commenti sono negativi (per fortuna a me non succede spesso) se mi infastidisce lo dico, altrimenti tendo a lasciar perdere”.

Infine, è fondamentale seguire un proprio stile e cercare di non copiare o plagiare i post degli altri Instagrammer.

Etica, professionalità, contenuti semplici e niente trucchi.

Ecco quindi gli ingredienti perfetti per poter gestire un profilo di cibo sano. 

Grazie a Verdiana, possiamo guardare con occhi diversi e più cauti, chi è giusto seguire su Instagram quando si tratta di buona alimentazione.

Ti sei perso l’ECOffee con Verdiana Ramina e vorresti rivedere la registrazione?

Basta iscriversi ad Arena da questa pagina per guardare il video disponibile nei Materiali Gratuiti!

Articoli correlati

futuro sviluppo sostenibile moda

Sustainable Fashion: il futuro della moda diventa sempre più green

Comunicazione, Società
avio aero, social media academy

Oltre i confini del B2B con la Social Media Academy di Avio Aero

Digital Marketing, Social Media Monitoring
instagram per artigiani

Instagram per artigiani: 5 errori da evitare

Digital Marketing
Torna su