La Famiglia come modello di Business

Distinguere l’impresa dai rapporti interni della famiglia, applicare un sistema di governance moderno, premiare le competenze e definire un quadro di regole condivise. Ma anche prepararsi a qualsiasi imprevisto, privilegiare una prospettiva di processo e coinvolgere attori terzi. Sono queste le 7 condizioni per un passaggio generazionale di successo, raccolte nella guida di Assolombarda a cura di Guido Corbetta e Alessandro Minichilli, docenti della Cattedra AIdAF-EY di Strategia delle Aziende Familiari dell’Università Bocconi in memoria di Alberto Falck.

Il 14 giugno 2016 è stato presentato un nuovo report di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza per gli associati in collaborazione con AIdAF (Associazione Italiana delle Aziende familiari) e Università Bocconi di Milano: aiutare le imprese al passaggio generazionale. Secondo i dati dell’Osservatorio AUB il 18% delle imprese familiari prevede un cambio generazionale nei prossimi 5 anni, dato che, relazionato ad altri numeri, ha scaturito l’indagine e la guida di cui sopra. Infatti vero è che il 65% delle imprese italiane è controllato da una o più famiglie, ma solo il 13% arriva alla terza generazione e addirittura solo il 4% raggiunge la quarta.

Donato Iacovone, CEO di EY, sottolinea come le aziende familiari siano “di fronte a cambiamenti radicali nei settori in cui operano, spinti dalla rivoluzione digitale che sta sconvolgendo i modelli di produzione e i rapporti con i clienti. Le nuove generazioni possono aiutare e spingere questo cambiamento: valorizzare quindi la tradizione adottando i nuovi processi è la strada che le nostre Pmi devono seguire per continuare a crescere e a competere”.

D’altronde lo scorso anno l’AUB, in collaborazione con Borsa Italiana e Allianz, ha stilato un report su circa 10.000 aziende italiane a controllo familiare, sottolineando come tra il 2010 e il 2014 le aziende familiari abbiano registrato un fatturato maggiore rispetto a quelle non familiari.

Secondo Carlo Salvato, docente di Strategia Aziendale alla Bocconi, uno dei segreti di successo delle aziende familiari sta nel “capitale sociale” e nel “capitale paziente”: da una parte l’attaccamento a valori sociali e ad una realtà vissuta come propria da parte del dipendente, dall’altra una lungimiranza da parte dell’imprenditore che tutela il guadagno a lungo termine piuttosto che quello immediato, per garantire sicurezza a figli e nipoti. Questo atteggiamento è anche quello più apprezzato in ambito finanziario perché più rassicurante e appetibile per un numero maggiore di investitori.

Vale la pena citare alcune di queste aziende: Ferragamo, Fendi, Missoni, Miroglio, Kiton, Damiani Gioielli, René Caovilla, Bauli sono alla terza generazione. L’Eco della Stampa è in buona compagnia: insieme ad Etro, Luisa Spagnoli, Barilla e Lavazza siamo arrivati alla quarta generazione. I Marchesi Antinori battono proprio tutti: sono alla 26a generazione!

 

 

Articoli correlati

Benefit Corporation, Società benefit

Le Società Benefit sono il nuovo business che fa bene al mondo

Comunicazione, Economia
google alert

Perché Google non può essere il media monitoring del tuo business?

Comunicazione, Media Monitoring
stampa-vs-online

Rassegna stampa o monitoraggio web?

Comunicazione, Digital Marketing, Media Intelligence, Rassegna Stampa
Torna su