L’editore sui social media. Il caso di Adelphi Edizioni alla Social Media Academy

La sesta Social Media Academy ci ha permesso di immergerci a capofitto nel day to day del social media manager con la presentazione della case history di Adelphi Edizioni.

Il bello delle nostre Academy è proprio il fatto che tutti i clienti de L’Eco della Stampa possono incontrarsi dal vivo, fare networking e scoprire l’operatività, la strategia e le sfide reali che tante eccellenze italiane si trovano ad affrontare ogni giorno sui media.

Gli argomenti non ci mancano. Dall’edizione con l’Istituto Italiano di Tecnologia fino alla Marina Militare abbiamo avuto il piacere e l’onore di assistere presentazioni davvero uniche nel loro genere.

Michele Orti Manara, social media manager della storica casa editrice Adelphi, ha illustrato le strategie della casa editrice e il suo utilizzo dei social network, dal 2011 a oggi.

Sembra evidente che la stessa Adelphi Edizioni sappia bene come distinguersi anche in ambito digital per indipendenza di pensiero e azione.

All’interno del “mare magnum” dei social media, Adelphi mantiene quelle che sono le sue caratteristiche più note: l’alta qualità delle sue pubblicazioni e la forte identità, che si traduce – tra le altre cose – in copertine riconoscibili e ormai quasi iconiche.

Proprio l’immagine della casa editrice, unita alla scelta delle citazioni dai testi e alla proposta di materiali che “espandano” il contenuto dei libri pubblicati, sono gli elementi che hanno portato i profili della casa editrice a competere con realtà molto più grandi e mainstream.

Grande attenzione viene posta anche nel contatto diretto con i lettori, tramite un dialogo che avvicini la casa editrice al pubblico, fornendo tutte le informazioni richieste, sia in forma pubblica, sia attraverso i messaggi privati. A tutte queste attività si aggiunge un lavoro di analisi dei risultati numerici (like, retweet, condivisioni, commenti) dei contenuti pubblicati, per capire quali siano i più adatti a ogni canale.

Ogni canale social media fa storia a sé: Twitter Facebook e Instagram sono i focus principali della comunicazione della casa editrice, con quest’ultimo che sta crescendo in maniera vertiginosa come numero di utenti e si sta imponendo come uno dei canali privilegiati della comunicazione online.

Ma, nel concreto, i social media quanto influiscono sulle vendite di un libro?

Non esiste una risposta certa a questa domanda, anche se è indubbio che i canali social siano ormai una vetrina imprescindibile per raggiungere il maggior numero possibile di lettori. E questo è particolarmente importante per alcuni titoli che altrimenti rischierebbero di non avere molta visibilità. In alcuni casi, ancor più che a stimolare le vendite, i social network possono essere un ottimo “termometro” sull’andamento di un titolo, un modo cioè di rendersi conto se sta incontrando il favore dei lettori.

Adelphi dimostra come idee chiare, conoscenza dei propri lettori e attenzione alle loro richieste siano gli ingredienti indispensabili per una comunicazione social di successo.

 

Articoli correlati

dark mode sociale

Nuove tendenze social. Diventerà tutto nero?

Social Media Monitoring
banche sui social

Banche sui social: opportunità o tranello?

Digital Marketing, Media Intelligence
Come farsi seguire su instagram

Semplicemente: come farsi seguire su Instagram?

Digital Marketing, Social Media Monitoring
Torna su