La psicologia dei colori. Il magico VIOLA

Il viola nasce nel momento esatto in cui il rosso e il blu si fondono. Potremmo dire che il viola sia uno di quei colori, come il verde, che fanno da ponte tra i colori caldi e quelli freddi.

Come già spiegato nell’articolo sul neuromarketing, i colori influenzano il comportamento delle persone.

I colori infatti evocano determinate sensazioni e sentimenti nei consumatori, condizionandone anche la percezione.

La maggior parte delle persone è attratta dal fascino visivo solo per l’uso sapiente e opportuno che ne è stato fatto dei colori. La vista è infatti il primo e fondamentale senso che ci orienta nella scelta.

Pensate che l’85% dei consumatori riconosce nel colore la principale ragione di acquisto di un determinato prodotto. E ogni colore evoca sensazioni ed emozioni diverse, spesso anche solo da una cultura a un’altra.

Una distinzione importante dei colori è quella tra caldi e freddi. Solitamente quelli caldi danno una sensazione di eccitazione ed energia, mentre quelli freddi trasmettono un senso di calma e rilassatezza.

Il viola è un ibrido!

Umano e divino

La sfera terrestre (rosso) e quella celestiale (blu) trovano armonia. Il viola è la commistione di due nature: l’umano e il divino, l’energia e la calma, la passione e la tranquillità. Rappresenta la coniunctio oppositorum, congiunzione degli opposti. Ancora oggi infatti è utilizzato nel settore ecclesiastico, indossato dai Vescovi come segno di intermediazione tra cielo e terra.

Lusso

corona, imperiale, stoffa, viola

Storicamente è il colore della nobiltà, legato alla regalità e al lusso. Infatti, nei secoli passati, stoffe viola venivano indossate da intellettuali e nobili per differenziarsi. Questo deriva dal fatto che la tintura viola ha sempre avuto un prezzo proibitivo nei secoli passati.

Simboleggiando l’eleganza, il viola è spesso utilizzato da brand di luxury, soprattutto nell’alta moda e nell’industria dei profumi, per comunicare prestigio.

Ma il viola è un colore davvero carico di significati.

Creatività e comunicazione

La pietra viola ha una forte azione liberatoria e purificatrice. Stimola la mente, i nervi motori e i processi respiratori favorendo l’assimilazione dell’ossigeno.

In cromoterapia è utilizzato per favorire la produzione di globuli bianchi e per stimolare la milza. Depura il sangue e stimola la microcircolazione cerebrale. Calma i disturbi nervosi e l’irritazione poiché favorisce lo svuotamento della mente dai troppi pensieri, favorendo così la creatività, la comunicazione e la voglia di aprirsi a nuove avventure.

Le varie tonalità di viola, infatti, sono spesso utilizzate in ambito di marketing e web. Un esempio è il portale servizi internet rivolto al mondo business e consumer che tutti conosciamo: Yahoo.

yahoo, logo, web

Inoltre, merita di essere citato anche uno dei siti più famosi per cercare lavoro, ossia per coloro che vogliono aprirsi a nuove esperienze lavorative: Monster.

Monster, logo, web

Tutto al femminile

Un logo di colore viola trasmette sensazioni molto spirituali e interiori. Forse, anche per questo motivo, è uno dei colori preferiti delle donne e quello più odiato dagli uomini.

colori, psicologia, viola, maschi, femmine

Il viola è stato adottato dal “femminismo” come simbolo della bellezza femminile, affascinante e misteriosa, il cui fascino è frutto della fusione degli opposti.

assorbenti, ultra, viola, logo

Marchi come Lines hanno saputo utilizzare intelligentemente questo colore. Rivolgendosi a un pubblico unicamente femminile, non hanno riscontrato problemi dovuti al sesso del target.

Marchi che si rivolgono a entrambi i generi devono prestare molta attenzione invece.

Magia

Il viola è al limite dello spettro cromatico. Cammina sulla linea sottile tra il visibile e l’invisibile. Dopo questo colore si entra in un altro territorio, quello degli ultravioletti, come se fosse una magia. E infatti è proprio ciò che evoca: magia, fantasia, mistero.

Ricordiamo il marchio Disney che, pur non avendo il proprio logo ufficiale di questo colore, ha saputo utilizzarlo sapientemente nelle proprie attività di marketing.

Aziende attive nel settore della prima infanzia, dei giocattoli per bambini non dovrebbero sottovalutare il potere di questo colore. Chi acquista i beni per la prima infanzia sono i neogenitori che si sentono avvolti di un’aura di magia per la nascita del loro bimbo.

Il viola è un colore sfortunato?

L’unico piccolo inconveniente del viola è che spesso viene associato alla sfortuna.

Ma ci siamo mai chiesti il motivo che c’è alla base di questa credenza?

È molto semplice. Nel Medioevo, durante il periodo della Quaresima, i paramenti sacri si coloravano di viola. Nello stesso periodo veniva vietato qualsiasi tipo di rappresentazione teatrale e di spettacoli pubblici. Questo divieto comportava, per tutti coloro che vivevano grazie al solo lavoro in teatro, grossi disagi economici. Ed è proprio questo il motivo per cui il colore viola è severamente vietato in teatro, dando il via ad una vera e propria superstizione.

E con il passare dei secoli l’appellativo di sfortuna associato al viola si è, erroneamente, esteso in tutti i campi.

La realtà dei fatti, però, è semplicemente questa, niente di più.

Quindi, a livello di marketing, non si dovrebbe pensare al viola come colore negativo, bensì come ad un colore dalle mille sfaccettature, da utilizzare con consapevolezza del target di riferimento.

emozioni, psicologia, settori, target, marketing

Curiosità

Nel 2018, il Pantone Color Institute ha eletto colore dell’anno l’ULTRA-VIOLET.

Con tutto quello che di negativo succede nel mondo oggi, il significato dell’ultra-violet coincide con un altro ancor più profondo che tende a voler sanare ciò che di marcio c’è. Una sfumatura di viola intensamente provocatoria e riflessiva, in grado di comunicare originalità, ingenuità e un pensiero visionario che ci indica il futuro. L’ultra-violet è lo specchio riflesso di ciò che il mondo ha bisogno attualmene.

Laurie Pressman – Vice presidente del Pantone Color Institute
colore dell'anno, viola, pantone institute, color of the year, 2018

Un colore che rappresenta la rottura delle regole, il pensiero visionario e il talento artistico.

 

Articoli correlati

book blogger

Book blogger, chi sono gli influencer dei libri?

Comunicazione, Digital Marketing
world wide web

World Wide Web, i suoi primi trent’anni

Comunicazione
Torna su