La Social Media Academy inizia con il treno giusto

Martedì 16 febbraio si è tenuta la prima Social Media Academy organizzata dall’Eco della Stampa. L’Academy non è un evento, ma un team di lavoro formato da quei clienti che già utilizzano le nostre soluzioni di social media monitoring e vogliono scambiare opinioni. Un’occasione di restare aggiornati sui casi di successo in settori e realtà molto diverse. Una sorta di “club esclusivo”.

La discussione prende forma partendo da un tema introdotto da Francesca Salvatore, Social Media Specialist e da Alessandro Cederle, Direttore Media Monitoring e Media Analysis. Una case history ogni volta nuova ci permette di entrare nel vivo di sfide concrete che chi opera nel settore si trova ad affrontare.

In questo primo appuntamento è stato affrontato il tema degli influencers. Abbiamo avuto il piacere di ascoltare la presentazione di Massimo Pasquini, Responsabile Comunicazione Digital e Social di Trenord: “L’osservatorio social di Trenord per EXPO”. Si è aperta una visuale profonda che ci ha permesso di comprendere al meglio le opportunità che il fiore all’occhiello del trasporto ferroviario italiano sta cavalcando con successo.

Trenord Case History

Trenord Intro

Trenord è tra i top 5 operatori europei su ferrovia in termini di puntualità. Tuttavia, non sempre le percezioni degli utenti corrispondono alla realtà. Ed è esattamente su questa “terra di confine” tra percepito e reale che si pone il ruolo degli influencer sui social media. Consapevole del proprio valore la società sta pianificando una nuova strategia digitale che ha come punto centrale proprio le conversazioni sulle reti sociali.

Obiettivo di Trenord è instaurare un dialogo costante con i propri clienti che permetta a tutti di percepire la sua nuova identità di efficienza ad ogni livello. Ma chi sono i clienti con cui Trenord vuole parlare? Innanzitutto sono tanti, oltre 700.000 che ogni giorno utilizzano il servizio.

In questo mare di utenti, grazie al monitoraggio dei social media ed alle registrazioni al sito web aziendale, la raccolta di una serie di caratteristiche comuni ha portato alla creazione di un identikit standard:

  • 35 anni è l’età media calcolata tra tutti.
  • Connesso, perché il futuro è sempre più mobile, 2/3 dei clienti accede a servizi digitali durante il viaggio, da smartphone, tablet o pc. La applicazione mobile Trenord conta oltre 200.000 download.
  • Informato, perché nel 2015 sono state visitate circa 86 milioni di pagine del sito Trenord.

Una curiosità. Inaspettatamente esiste un buon numero di soggetti che nutre una passione per la meccanica dei treni, arrivando addirittura a creare un sito dedicato ai fischi delle locomotive!

Ed è qui che entrano in gioco gli influencer, coloro che influenzano gruppi più vasti di clientela, informando e tenendo i contatti con tutti.

Massimo Pasquini ha mostrato come Trenord abbia già una strategia molto chiara e strutturata sul tema ed è stato un privilegio poterlo ascoltare. La presentazione si è impreziosita ulteriormente grazie al dibattito tra i nomi e settori diversi presenti all’Academy. Adidas, Credito Valtellinese, Fondazione Veronesi, Fratelli Beretta, IKEA, Mistral Pubblicità e Triumph International.

Ci teniamo a ringraziare Trenord e tutti i partecipanti per avere creato questo team unico nel suo genere e rimandiamo il prossimo appuntamento ad aprile per la seconda Academy!

 

Articoli correlati

copertina 20 21 22

Il presente e il futuro della comunicazione d’impresa

Comunicazione, Media Intelligence

Troppo bello per essere vero! Chirurgia estetica sempre più social

Comunicazione, Società
antonio decaro

Sindaci, social e pandemia. L’esperienza di Antonio Decaro

Comunicazione, Società
Torna su