Viaggiare con YouTube: alla scoperta dei travel blogger crossmediali


L’estate sta arrivando: quale modo per prepararci al meglio se non prenotando una bella vacanza? Ma da qualche anno ormai, le persone che si recano nelle agenzie di viaggio (anche solo per raccogliere le idee) sono sempre di meno.

Ispirazione

Dove finisce tutto questo traffico offline? Inaspettatamente, sembra che la location preferita per la scelta della meta sia YouTube!

TripAdvisor, Facebook e altri si vedono quindi battuti dal canale dei Video per eccellenza.

Questo è successo perché preferiamo scegliere le vacanze affidandoci alle persone che lavorano viaggiando e soprattutto dedicano la gran parte del loro tempo a raccontare storie in maniera spontanea ed entusiasta.

La pianificazione, se non vedo non credo

Grazie alle nuove tecnologie e allo sviluppo esponenziale dei social network, siamo (forse anche inconsapevolmente) alla ricerca di un viaggiatore 2.0 che sappia creare un pacchetto vacanze su misura per le nostre esigenze.

Poterci assicurare in prima persona che ogni momento della nostra vacanza rispetti le nostre esigenze grazie a video dettagliatissimi, è in effetti un vantaggio competitivo notevole.

Abituati come siamo alla programmazione di ogni aspetto della nostra vita, perchè dovremmo limitarci a basare le nostre scelte sui consigli di un amico o di alcune recenzioni online?

Ecco i travel blogger, i nuovi tour operator digitali

Questi nuovi condottieri che ci guidano all’interno della galassia di internet per farci fare le scelte giuste prima di partire hanno un nome: sono i travel blogger.

Alcuni di loro sono nati come storyteller con la passione per i viaggi, altri invece sono stati spinti dalla curiosità e dalla necessità di far scoprire anche ad altri alcune parti del mondo.

Proviamo a distinguerli in base al canale di comunicazione che utilizzano anche se sono sempre più crossmediali. Ci sono principalmente 3 categorie:

  • I Travel blogger che recensiscono all’interno del blog personale i posti che visitano raccontando ogni minimo particolare.
  • Gli influencer o Travel instagrammer che postano foto e video di avventure, cibo e luoghi su Instagram.
  • I Travel Vblogger o Travel youtuber che sono in sostanza videomaker, narratori e in alcuni casi reporter dei loro viaggi su YouTube.

In precedenza avevamo già parlato di youtuber con riferimento specifico verso la categoria dei più piccoli maestri del mestiere.
Questa volta invece, ci soffermiamo sul terzo caso della nostra lista, ovvero i Travel Vlogger o Traver youtuber.

Viaggiano, riprendono, raccontano, post-producono. Scopriamo insieme chi sono gli italiani migliori che abbiamo scovato su Youtube.

NICOLO’ BALINI

È un ragazzo di 26 anni e dal 2012 è su YouTube con il nome di Human Safari. Capelli lunghi e sorriso contagioso, nel 2012 apre il suo canale sulla piattaforma video con il semplice scopo di condividere video di viaggi con i suoi amici. Un nome nato per caso da un ritaglio di giornale che stava per appiccicare al muro della sua camera, confessa a LiberiTutti.

Lavorava in una agenzia di viaggi quando inizia a postare video di vacanze con gli amici, coltivando la passione per la fotografia. Si accorge che riesce ad attirare molta più gente del previsto e inizia a prenderci gusto trasformando così la sua passione in un lavoro. Ora Nicolò ha più di 700.000 iscritti sul suo canale Youtube (con 73 milioni di visualizzazioni) e ha visitato 80 Paesi in tutto il mond.

Dal 2015 organizza viaggi con gli iscritti al canale: Egitto, Giappone e Kenya sono state le prime mete condivise con i seguaci. Dal 2018 pubblica video quotidianamente anche sul suo canale personale (dove quello con più visualizzazioni ne ha oltre 3.000.000).

MATCHA LATTE

Serena Bertozzi, toscana, da qualche anno è conosciuta come “Matcha Latte”. Il nome richiama il The Matcha bevanda tipica giapponese, Paese in cui ha deciso di aprire il suo canale per raccontare il suo viaggio diventato un trasferimento temporaneo. Alla passione per il Giappone aggiunge l’immagine del latte che le ricorda l’Italia, per unire le origini con le passioni. “Make your life a great adventure– Fa della tua vita una grande avventura” è questo il suo motto.

La sua idea è quella di diventare amica virtuale dei suoi seguaci tramite il racconto dei Pesi e il consiglio dei posti da visitare. In alcuni momenti sul canale di Serena è anche possibile fare una lezione di giapponese ammirando, tra una pausa e l’altra, il fascino del paese orientale.

Su Youtube sono 115mila gli utenti iscritti al suo canale, registrando un totale di 12 milioni di visualizzazioni. Da poco si è trasferita a Londra e su YouTube racconta la quotidianità nella capitale britannica trattando sempre i temi dei viaggi e del lifestyle.

FRANCESCA BARBIERI

Ha 36 anni e sul web è conosciuta come FRAINTESA. Ama filosofeggiare sulla vita che viene rappresentata sui social per mettere a contrasto una finzione che appare sempre perfetta con la cruda realtà che nessuno vuole condividere. 

La sua missione è una: girare il mondo in solitaria. Ha infatti lanciato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma GoFoundMe per intraprendere il suo viaggio. La metà dei soldi che verrà raccolta sarà invece donata all’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.

Il suo obiettivo è prendersi la sua rivincita personale imparando a conoscere il mondo.

MATTIA MIRAGLIO

Potrebbe essere il Forrest Gump del XXI secolo. Di professione non è proprio un travel blogger, ma un globetrotter, ovvero una persona che viaggia per il mondo per turismo utilizzando mezzi di fortuna.

Il 19 aprile 2014 ha iniziato il suo giro del mondo a piedi, senza l’utilizzo di alcun mezzo, se non le navi per l’attraversamento dei mari e qualche aereo. I protagonisti sono lui e il suo passeggino da jogging che pesa dai 50 ai 100 kg contenente una tenda, dei vestiti, delle pentole, un computer portatile e materiali utili per il campeggio.

L’obiettivo è di raccontare le tradizioni, i profumi, i sapori, i suoni di una Terra e attraversarla con il solo utilizzo delle proprie gambe. Sul suo canale YouTube ha un pubblico di 63mila utenti con più di 5 milioni di visualizzazioni.

In cinque anni aveva promesso di finire il giro del mondo (50.000 km in solitaria) e l’ha completato proprio da qualche giorno. Durante gli anni è stato operato alle ginocchia diverse volte per via del liquido che gli impediva di camminare con facilità.

Pensate che per superare il deserto dell’Outback, ha percorso 50 km al giorno per ben 70 giorni! Per il futuro ha nuovi progetti e tra questi c’è un viaggio in biciletta alla scoperta del Vietnam in compagnia dei suoi fan.

PIERO ARMENTI – IL MIO VIAGGIO A NEW YORK

Se avete in mente un viaggio nella grande mela non dimenticate di curiosare sulla pagina de Il mio viaggio a New York. È nata nel 2011, quando Piero Armenti decide di trasferirsi a New York, inconsapevole di quello che stava per realizzare. Più che Travel vlogger ama definirsi Urban Explorer: un esploratore con più di un milione di follower che va alla ricerca dei segreti di New York.

A differenza degli altri il canale social più utilizzato per lui è stato inizialmente Facebook.

La capacità narrativa di Piero Armenti è coinvolgente e sprigiona curiosità nello spettatore. Assieme a lui è possibile percorrere chilometri, imparare a scoprire la cultura culinaria dei newyorkesi mentre racconta miti e leggende del sogno americano.

Al pubblico piace davvero tanto questo modo di venir coinvolti via social. Così, grazie al lavoro di questi anni in America, Piero oggi lavora in ufficio vicino a Times Square dove, con altre 30 persone, organizza qualsiasi tipo di attività per l’intrattenimento. Una delle più apprezzate è il Tour dei Rooftop, per apprezzare lo skyline newyorkese al calar del sole. 

Infine, oltre al portale Il mio viaggio a New York è nato anche il miohotel.com, una piattaforma dove prenotare camere d’albergo a New York e in tutti gli Stati Uniti creata in collaborazione con Booking per ottenere offerte convenienti.

La prenotazione diventa solo l’ultima parte dell’esperienza

I personaggi che abbiamo conosciuto sono dei professionisti, che viaggiano anche grazie a sponsorizzazioni per aumentare il numero delle persone che prenotano direttamente dai link dentro ai video o nelle stories di Instagram.

Vi vogliamo lanciare una provocazione: quanti di voi hanno già prenotato un viaggio d’impulso? Guardate uno di questi video…

… e provate a resistere alla tentazione di fare le valigie!

 

Articoli correlati

book blogger

Book blogger, chi sono gli influencer dei libri?

Digital Marketing, Influencer
diritto oblio

Diritto all’oblio, va bene tutelarlo. Ma chi tutela il diritto al ricordo?

Digital Marketing

Un’ Eco di Buone Feste da noi

Arte E Società, Digital Marketing, Eventi E News, Media Intelligence, Non categorizzato, Rassegna Stampa, Social Media Monitoring, Società
Torna su