Solidarietà digitale: film e documentari in streaming per tutti

La cultura si sposta sul digitale. La diffusione del Coronavirus e l’appello che porta chiunque ne abbia la possibilità a stare a casa, almeno per tutto il mese di marzo, stanno stravolgendo la quotidianità degli Italiani. I primi ad essere colpiti dalle misure sono stati teatri, cinema, sale da concerto, tutti quei luoghi in cui si forma un affollamento di persone che, in questo momento, diventa particolarmente rischioso. La cultura e il cinema, però, hanno da subito risposto attingendo a tutte le risorse che i canali di comunicazione digitali mettono a disposizione.

Fioccano, infatti, dirette streaming di concerti, interviste su Instagram, piccole esibizioni live a debita distanza, fino ad arrivare al Science Web Festival, il primo festival culturale interamente digitale. Orientarsi tra le tante iniziative virtuose ed interessanti non è facile, per questo parliamo, quest’oggi, di servizi in streaming gratuiti (per l’occasione) che permettono a chiunque abbia la possibilità di connettersi ad Internet di vedere film, documentari e alcune chicche che, altrimenti, non sarebbero accessibili.

Film gratis in streaming con Solidarietà Digitale

Partiamo da Solidarietà digitale, un’iniziativa promossa dal Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione pensata, inizialmente, per le zone rosse più colpite dall’emergenza e in cui le limitazioni sono scattate da subito.

Sul sito dedicato, è possibile consultare tutti i servizi digitali messi a disposizione gratuitamente e temporaneamente per chiunque lo desideri. Tra questi, ce ne sono alcuni che permettono di accedere a cataloghi di prodotti audiovisivi. La lista è in costante aggiornamento, vista la crescente solidarietà dei provider che, progressivamente, stanno aprendo le porte ai cittadini in quarantena.

Il catalogo della Cineteca di Milano

Sin dai primi giorni dell’emergenza, la Cineteca di Milano ha aperto gli archivi permettendo a tutti, gratuitamente, di guardare alcuni dei titoli in catalogo. È necessario iscriversi a questo link e, una volta registrati, selezionare il film che si desidera guardare.

In poche settimane sono stati oltre 30mila i nuovi utenti registrati che possono scegliere tra più di 500 titoli, aggiornati settimanalmente. Tra questi, alcune perle del cinema muto come Uomini della domenica di Robert Siodmak, Femmine folli di Erich Von Stroheim, Crepuscolo di Gloria di Josef Von Sternberg e il Faust di Friedrich Wilhelm Murnau.

RaiPlay e le altre piattaforme televisive

Tramite registrazione si accede anche al sito di RaiPlay, il portale dedicato allo streaming della Rai. Nella piattaforma gratuita non si trovano soltanto le trasmissioni in diretta di tutti i canali dell’emittente, ma anche un archivio di serie tv, film, documentari e pillole di informazione divise per target e per genere.

Tra i titoli più amati ci sono “Viva Rai Play” con Fiorello, l’ultima stagione de “L’amica geniale” tratta dai romanzi di Elena Ferrante, e “Il Commissario Montalbano”. Sono a disposizione anche documentari e programmi di approfondimento storico, concerti e spettacoli.

La piattaforma streaming di Mediaset, invece, si chiama Infinity e prevede un periodo di prova gratuito di due mesi (dopo il costo è di 7,99€ al mese). Anche in questo caso l’offerta affianca alla trasmissione in diretta dei canali del gruppo, un ampio archivio di film, serie tv e programmi molto seguiti. Mentre DPlay Plus racchiude il palinsesto dei canali del gruppo Discovery (Nove, Real Time, DMax, Giallo, Food Network, K2 e Frisbee). La prova gratuita è di un mese.

Documentari in streaming con OpenDDB e SoleLunaDoc

È stato lanciato il 7 marzo lo “Streaming di comunità” di Open DDB, primo portale europeo che supporta la circolazione e distribuzione di opere indipendenti on demand. In questo caso, grazie alla disponibilità dei registi, è diventato possibile guardare online gratuitamente 10 documentari che affrontano temi sociali e d’attualità.

Un’iniziativa analoga è quella del Sole Luna Doc Festival che sul suo sito ha messo a disposizione di tutti un elenco di film in concorso. Anche in questo caso si tratta di produzioni indipendenti che affrontano temi sociali e che, soprattutto, è molto raro vedere sugli schermi cinematografici.

Per questo è ancor più preziosa l’opportunità di vedere questi documentari in streaming e sostenere, anche a distanza, il lavoro di tanti documentaristi, registi e autori. Il web, oggi più che mai, accorcia le distanze e diventa compagnia ed arricchimento culturale per chi si trova a casa.

 

Articoli correlati

Il futuro di freelancer e smart workers secondo il manager Roberto D’Incau

Società
google motore di ricerca

Google lancia un motore di ricerca per gli scienziati

Comunicazione, Media Monitoring
influencer marketing

Che ne sarà di questo influencer marketing? Intervista a Marika Marangella

Digital Marketing, Influencer
Torna su