Vis à vis con Michela Calculli

Michela Calculli: se avete letto un articolo di economia, fisco o altri ameni argomenti simili, trovandolo particolarmente scorrevole e interessante, sappiate che probabilmente dietro c’era il suo zampino.

Il suo sito personale conta ben 70 articoli sotto la voce Economia&Fisco, che spaziano tra temi come Libra, il regime forfettario, il trading e molto altro. Lei stessa si definisce una produttrice di contenuti web chiari in ambiti poco chiari.

Definita anche la “blogger che spiega l’economia“, Michela è una freelance, mamma, e imprenditrice, che affronta impavida con la sua penna temi non sempre lineari e masticabili ai più.

L’abbiamo incontrata per capire come è arrivata a costruirsi questa reputazione e cogliere qualche buon segreto di web writing.

Il tuo curriculum è un mix di elementi più statici (la laurea, la famiglia) ed elementi decisamente innovativi e avventurosi! Qual è stata la tua esperienza più formativa e perché?

L’esperienza che mi ha davvero reso una persona adulta e consapevole delle proprie capacità è stata la grave malattia che ha colpito il mio secondo figlio quando aveva soltanto 39 giorni. Ho tirato fuori risorse che non sapevo di avere, molte di più di quelle che avevo già scoperto in seguito alla prima maternità. Comunque in generale diventare mamma è stata la cosa migliore che mi sia capitata, a livello umano e professionale.

C’è stato un momento in cui hai capito che scrivere per il web era ciò che volevi davvero fare? E cosa hai fatto per realizzare quest’idea?

In realtà questo mestiere è arrivato un po’ per caso. Ero mamma da pochi mesi e mi venne in mente di aprire un blog. La situazione però è “precipitata” in fretta. Ho scoperto di avere talento per il web writing e che questo lavoro mi avrebbe consentito di avviare una carriera da freelance, garantendomi una gestione di tempo libero e lavoro su misura per le mie esigenze.
All’inizio non ho fatto molto, sono stati i primi clienti a trovare me e ingaggiarmi. Oggi ho imparato anche a farmi avanti e a propormi per progetti nuovi, oppure a proporne di miei.

michela-calculli-blogger

Trovo molto interessante (e anche piacevolmente in controtendenza) che proprio grazie alla maternità, ti sei avvicinata al mondo dei media e della tua attuale carriera professionale. Come ti senti, come mamma e lavoratrice freelance?

Io non mi sento mai perfettamente a posto con il lavoro, c’è sempre qualcosa che mi manca e oggi che i miei bambini sono cresciuti, sento di dover dare una svolta decisa alla mia carriera e sto lavorando in questo senso. Voglio fare di più e meglio.

La tua blog line su LinkedIn recita “Consulenza e formazione per la produzione di contenuti chiari costruiti su temi complessi”: in altre parole, come spieghi il tuo lavoro ai neofiti?

Il mio lavoro consiste nel produrre testi per il web soprattutto su tematiche ostiche o poco accattivanti come Fisco e Finanza. Dunque scrivo e insegno a scrivere in maniera chiara ma evitando di banalizzare, in modo che determinati concetti diventino alla portata di una platea la più ampia possibile.

Collabori e scrivi contenuti di qualità con assicurazioni, banche, studi professionali, essere genitore… come fai a tenerti aggiornata su così tanti fronti?

seo & love, web writing

Avere uno smartphone sempre con me è il segreto di Pulcinella. Tengo sotto controllo i “miei temi” in modo da proporre contenuti sempre aggiornati ai miei clienti e ai miei lettori. Magari stando ai giardinetti con i bambini oppure durante gli spostamenti sui mezzi pubblici. Poi nel mio flusso di lavoro ho comunque creato dei momenti in cui mi dedico all’aggiornamento continuo.

Quali sono per te le regole per un buon articolo web?

Bisogna cominciare dalla struttura, la cara vecchia “scaletta” dei compiti in classe. Io impiego molto più tempo a definire paragrafi e ordine degli stessi che a stendere l’articolo vero e proprio. Una volta costruita la struttura, le parole scorrono veloci. Insomma il momento più importante è quello in cui non scrivo.

Puoi parlarci del percorso che segui quando devi scrivere un articolo ottimizzato in ottica SEO?

Ecco i miei passaggi: individuato un tema scelgo la parola chiave analizzando le ricerche degli utenti (e seleziono anche le parole correlate), analizzo la struttura dei post sul tema di chi si è meglio indicizzato su Google, costruisco il mio articolo fornendo tutte le informazioni già disponibili e cercando sempre di aggiungere almeno un altro tassello per essere più esaustiva possibile.

Sul tuo blog leggo che hai inaugurato i tuoi 40 con tre progetti importanti. Vuoi descriverceli brevemente?

Sto lavorando alacremente ad un video corso che parlerà di Fisco, una vera sfida perché per me è la prima volta e sto imparando davvero tantissimo. Sto trattando per nuove collaborazioni cui tengo moltissimo. Sto dando alla mia attività una nuova forma, più strutturata e ragionata.

michela calculli

Stay tuned, insomma, per vedere i progressi di questa precisa e puntuale super blogger.

 

Articoli correlati

estetista cinica

Estetista Cinica. Personaggio dell’anno, grazie ai social

Influencer
influencer marketing

Influencer Marketing: go small, go local

Digital Marketing, Influencer

Opere d’arte su Instagram: quali sono gli artisti da non perdersi

Digital Marketing, Influencer
Torna su